Indennità di sostegno Liberi Professionisti art. 44 D.L. 1/2020 - Emergenza COVID-19

N.B. Tutte le circolari del CNI in materia di COVID-19 sono raccolte nella sezione dedicata.

In data 4 aprile 2020 il Consiglio Nazionale degli Ingegneri ha inviato una comunicazione per chiarire le informazioni circa il sussidio che, a partire dal 1° aprile fino al 30 aprile 2020, gli ingegneri liberi professionisti iscritti a Inarcassa, che si trovino entro determinate fasce di reddito, possono presentare presso Inarcassa on line per un contributo una tantum di 600 euro non tassati e che non faranno cumulo con il reddito del 2020.

La misura è stata introdotta con il Decreto Interministeriale del 28 marzo 2020, è un sostegno, seppure limitato, ai professionisti in difficoltà. Si tratta di una misura fortemente voluta dal CNI, che insieme alle altre professioni ordinistiche, ha richiesto al Governo, che in un primo momento, con il D.L.18/2020, aveva escluso i professionisti ordinistici da questo tipo di sostegno.

E’ importante conoscere le condizioni di accesso al bonus. 

Chi può fare richiesta del bonus?

 

I professionisti che risultino iscritti ad Inarcassa alla data del 23 febbraio 2020 e che non siano percettori di pensione

 

A quali condizioni?

 

Il richiedente deve aver percepito un reddito complessivo nell’anno di imposta 2018 non superiore a 35mila euro

Oppure

Il richiedente deve aver percepito nell’anno di imposta 2018 un reddito complessivo compreso tra 35mila e 50mila euro ed aver chiuso la partita Iva, o ridotto l’attività autonoma o libero-professionale di almeno il 33% nel primo trimestre 2020, rispetto allo stesso reddito del primo trimestre 2019, a causa dell’epidemia COVID-19.

 

 

L’Iscritto ad Inarcassa deve essere in regola con i versamenti previdenziali alla Cassa?

 

No. Non è un requisito che Inarcassa può chiedere e comunque non è un criterio per l’ottenimento del bonus

 

Occorre essere iscritti ad Inarcassa dal 2018?

 

No. si può essere iscritti anche dai primi mesi del 2020, l’importante è rientrare in una delle due fasce di reddito sopra indicate

 

Occorre dimostrare che nel 2018 si svolgeva lavoro autonomo?

 

No.

Quali documenti occorre presentare

 

La domanda si inoltra tramite Inarcassa on line e consiste nella compilazione di una autodichiarazione relativa ai requisiti contributivi e reddituali. Va allegata copia della scansione del documento di identità e del codice fiscale

 

Dove si inoltra la domanda

 

Dal seguente link: https://www.inarcassa.it/idp/Authn/UserPassword

 

Dato l’elevato numero di richieste in alcuni momenti della giornata Inarcassa on line potrebbe subire dei rallentamenti.

Notizie correlate
CNI

Circ. n. 598 - Recenti novità in materia di sicurezza antincendio

CNI

Circ. n. 576 - Informativa su Stati Generali delle Professioni Italiane - Manifesto delle Professioni

CNI

Circ. n. 624 - Emergenza epidemiologica COVID-19. Aggiornamento scadenze in materia di sicurezza antincendio: quinquenni di riferimento e adeguamenti per edifici di civile abitazione.