E’ on line la sezione del sito dell’Ordine degli Ingegneri di Milano in cui è possibile eseguire il deposito del Certificato di Idoneità Statica (CIS) di cui all’art. 11.6 del Regolamento Edilizio del Comune di Milano.


Se sei un Iscritto all'Ordine potrai accedere alla piattaforma inserendo le credenziali che ti qualificano come iscritto, altrimenti compila il modulo di registrazione per ottenere le credenziali riservate ai visitatori.


Da questa pagina, una volta eseguito il login al portale, è possibile accedere alla sezione del sito in cui caricare i documenti che costituiscono la certificazione. Si ricorda che il documento deve essere redatto seguendo le istruzioni contenute nelle Linee Guida alla compilazione del CIS, pubblicate dal Comune di Milano con determina dirigenziale PG 598576 del 25/11/2016 scaricabili cliccando qui.


Si raccomanda inoltre ai singoli professionisti di consultare periodicamente la pagina del sito dell’Ordine degli Ingegneri di Milano dedicata a questo argomento in cui sono presenti le FAQ (presto online), i chiarimenti e gli aggiornamenti che la Commissione Strutture dell’Ordine pubblica sull’argomento CIS.

Caratteristiche
Responsabilità
Documentazione utile
Domande e risposte

Sinteticamente si riportano in seguito le principali caratteristiche della certificazione che si depositerà in questa sezione del sito:

  1. l CIS è un documento obbligatorio secondo l’articolo 11.6 del Regolamento Edilizio di Milano per tutti i fabbricati presenti SOLO nel Comune Milano che hanno o compiranno 50 anni entro il 2019 e che non sono in possesso di un certificato di Collaudo Statico. Per maggiori informazioni sulle le caratteristiche degli stabili soggetti alla certificazione vedasi le Linee Guida sull’applicazione dell’articolo 11.6. Ad oggi NON E’ POSSIBILE depositare certificazioni per stabili ubicati fuori dal Comune di Milano.
  2. Il CIS depositato sul sito dell’Ordine degli Ingegneri di Milano è una copia conforme del documento originale che rimane in carico alla Proprietà dello stabile.
  3. Il CIS NON è un deposito amministrativo sostitutivo di eventuali altri atti da depositare allo Sportello Unico dell’Edilizia per le pratiche tecniche quali denunce dei CA, SCIA ecc. che rimangono in capo all’Amministrazione Comunale.
  4. I documenti da depositare devono essere in formato PDF e devono essere firmati digitalmente dal professionista incaricato alla stesura del CIS con firma digitale in corso di validità all’atto della sottomissione.
  5. Per ogni pratica possono essere sottomessi più documenti la cui dimensione totale, pari alla somma dei singoli, non deve eccedere i 200MB. Per tale motivo si consiglia di limitare la risoluzione delle immagini contenute nei documenti non superiori alla qualità di stampa (200 dpi).
  6. Il costo per il deposito di ogni singolo CIS, inteso costituito da uno o più documenti, è di 35,00 € + IVA totali che potranno essere versati mediante PayPal o carta di credito abilitata al pagamento una volta avvenuto il login al portale. Il costo per il download, che potrà essere fatto sempre una volta avvenuto il login, è invece pari a 10,00 € + IVA seguendo le istruzioni contenute nell’apposita sezione del sito. Per scaricare un CIS esistente occorre possedere lo specifico codice che viene generato dal sistema all’atto di deposito del CIS e viene rilasciato al tecnico che esegue l’upload. Questi sarà responsabile della diffusione dello specifico codice alle persone legittimate ad avere una copia della certificazione (proprietari, amministratori, notai ecc).

In merito alle responsabilità dei professionisti coinvolti nella redazione di un CIS, si precisa che:

Caso 1: deposito senza prescrizioni.
Il tecnico che ha depositato il CIS definitivo è responsabile di quanto contenuto, constatato e asseverato nella relazione depositata e dei relativi allegati. Il CIS assume una validità di 15 anni dalla data di deposito dei documenti.
Caso 2: deposito con prescrizioni.
Il tecnico che ha depositato il CIS con prescrizioni è responsabile di quanto contenuto, constatato e asseverato nella relazione depositata e dei relativi allegati. Al tecnico non possono essere invece riconosciute responsabilità dirette delle aree o porzioni del fabbricato per cui il tecnico stesso ha emesso prescrizioni. Il CIS ha una validità di soli 2 anni entro i quali devono essere intraprese, da parte della proprietà, le azioni atte a sanare le prescrizioni contenute nell’emissione provvisoria del documento.
Caso 3: deposito asseverazione eliminazione prescrizioni.
Il tecnico è responsabile di quanto contenuto sia nella relazione originale, e relativi allegati, che nella relazione in cui sono contenute le asseverazioni di avvenuta eliminazione delle prescrizioni fatte nel primo deposito. Qualora la relazione di constatazione avvenuta esecuzione dei lavori atti ad eliminare le prescrizioni sia presentata da un tecnico diverso da quello che ha depositato il CIS con prescrizioni, allora il primo tecnico è responsabile delle relazioni da questo presentate mentre il secondo tecnico è responsabile della sola constatazione di avvenuta esecuzione dei lavori per sanare le prescrizioni emesse nel CIS originale a patto che vengano mantenute inalterate le condizioni certificate dal primo tecnico. Dalla data di prima presentazione della relazione il CIS assume una validità di 15 anni.

La Commissione Strutture dell’Ordine rimane a disposizione nel fornire chiarimenti sugli argomenti specifici del CIS, della sua stesura e sui tecnicismi di deposito on line.

QUESITO 45: Chiarimenti sulla valutazione di 2° livello
QUESITO 44: : Sostituzione copertura in legno: da intendersi come intervento locale o strutturale?
QUESITO 43: Quali soggetti richiedono il CIS?
QUESITO 42: Chiarimenti sull'identificativo catastale
QUESITO 41: In presenza di sopraelevazione non è necessario dar corso a verifiche di primo livello?
QUESITO 40: Chiarimenti su validità CIS
QUESITO 39: Chiarimenti in merito all'obbligatorietà del CIS
QUESITO 38: Necessità di CIS per edificio parzialmente ristrutturato?
QUESITO 37: Chiarimenti sulla zonazione delle opere strutturali
QUESITO 36: Chiarimenti in merito a presentazione CIS per multiproprietà con destinazioni diverse.
QUESITO 35: Per essere corretta una certificazione di idoneità statica deve attenersi alle Linee Guida? Ne ho redatta una nel 2016 cosa posso fare perchè risponda ai presupposti del CIS?
QUESITO 34: La responsabilità del tecnico è proporzionale al livello di indagine? E come si salvaguarda la pubblica incolumità?
QUESITO 33: Richiesti chiarimenti sulla necessità del CIS
QUESITO 32: Richiesti chiarimenti sul valore di un CIS a seguito di evento sismico.
QUESITO 31: C’è modo di migliorare il processo di visura pratiche col Comune di Milano?
QUESITO 30: Distinzioni tra CIS di primo e di secondo livello. 
QUESITO 29: Chiarimenti in merito agli obblighi riferiti ad edificio antecedente al 1971 per il quale si ignora la data esatta di costruzione e per il quale non è stato redatto collaudo statico. 
QUESITO 28: Obbligo di CIS per un fabbricato di oltre 50 anni per il quale esiste già un certificato originale?
QUESITO 27: Richiesta chiarimenti su emissione CIS anticipato per edificio del 1983.
QUESITO 26: Perchè il CIS vale 15 anni?
QUESITO 25: Esiste un modello CIS e dove si deposita?
QUESITO 24: Chiarimenti per CIS di immobile posto su tre diverse particelle.
QUESITO 23: L'emissione del CIS implica l'accesso a tutti i locali dell'edificio?
QUESITO 22: Chiarimenti su emissione CIS per edificio primi '900.
QUESITO 21: Richiesti chiarimenti sul mio primo deposito.
QUESITO 20: Il Sisma Bonus è applicabile nel Comune di Milano?
QUESITO 19: Richiesta chiarimenti sul deposito.
QUESITO 18: Richiesta chiarimenti su CIS con sopraelevazione condonata.
QUESITO 17: Svendita CIS, come intervenire? 
QUESITO 16: Quali edifici rientrano nella categoria: " Edifici improntati a semplicità?"
QUESITO 15: Chiarimenti su assegnazione incarichi e conflitti di interesse
QUESITO 14: Chiarimenti sull'applicazione del CIS
QUESITO 13: Chiarimenti su firma CIS
QUESITO 12: Chiarimenti su definizione zone sismiche per accesso Sisma Bonus
QUESITO 11: Chiarimenti su punto 4.6 all. A Linee Guida

QUESITO 10: Chiarimenti su CIS e deposito
QUESITO 9: Chiarimenti sulla rilevanza sismica di piccoli interventi
QUESITO 8: Quale livello di CIS per fabbricato primi '900 sopralzato di un piano?
QUESITO 7:  In che termini l'altezza dei parapetti e delle ringhiere di scale e balconi è riconducibile al CIS? 

QUESITO 6: Chiarimenti sulla procedura di primo livello con prescrizioni 
QUESITO 5: Chiarimenti su Sisma bonus e zonazione - Risp. parte A - Risp. parte B - Integrazione alla risp. agg. al 08.09.17
QUESITO 4: Chiarimenti sulla definizione dell'unità strutturale nel CIS 
QUESITO 3: Chiarimenti sulle azioni di calcolo da utilizzare per fabbricato esistenteAllegato1 - Allegato2
QUESITO 2 : Chiarimenti sull'adempimento dell'analisi di vulnerabilità sismica - All. Circ. Dip. Civ. 83283/2012
QUESITO 1: Chiarimenti sui requisiti del Tecnico abilitato nelle verifiche di primo livello.