Ex Presidente dell'Ordine Stefano Calzolari eletto Presidente CEN (Comitato Europeo di Normazione)

UN ITALIANO PRESIDENTE CEN (COMITATO EUROPEO DI NORMAZIONE): ELETTO STEFANO CALZOLARI

Milano, 18 giugno 2020 - Dopo quasi 30 anni un italiano torna alla guida della normazione tecnica europea: Stefano Calzolari è stato eletto Presidente del CEN European Committee for Standardization -Comitato Europeo di Normazione per il triennio 2022-2024 durante l’Assemblea Generale che si è tenuta oggi in modalità di lavoro remoto.

Il neoeletto Presidente CEN già da gennaio 2021 affiancherà come President Elect il presidente uscente Vincent Laflèche.

Stefano Calzolari è un ingegnere civile con significativa esperienza nella normazione: sia a livello puramente tecnico (dal 1999 al 2012 nei comitati europei CEN/TC 53 Temporary works equipment e CEN/TC 344 Steel static storage systems di cui è anche stato Presidente), sia di governance (dal 2017 è Vicepresidente UNI).

 A queste competenze Calzolari affianca un ottimo background nel campo della qualificazione e certificazione, applicate in particolare al campo delle professioni (dove ha fondato e presieduto l’Agenzia Nazionale per la Certificazione Volontaria delle Competenze CERT’ING). È stato inoltre Presidente dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Milano ed è attualmente componente del CNI (Consiglio Nazionale Ingegneri).

“Da giovane ingegnere specializzato in strutture di acciaio, ho iniziato a lavorare nella normazione per conto della ACAI-Associazione Italiana dei Costruttori di Acciaio, con l’obiettivo di definire le prime norme europee sulle scaffalature industriali: un’esperienza che mi ha ben chiarito l’importanza del Nuovo Approccio UE e allo stesso tempo la difficoltà di applicarlo in alcuni ambiti, come i prodotti da costruzione” afferma Stefano Calzolari.

“Ho imparato sulla mia pelle che il consenso (vera base della normazione!) è un esercizio difficile, che dà i migliori risultati solo quando chi lo esercita è conscio sia del proprio “potere di ruolo” sia della necessità di servire i più alti principi e valori della società per prendersi cura del bene comune.

CEN e CENELEC  giocano un ruolo chiave nella crescita dell’Europa e dell’Unione Europea e sono orgoglioso di poter fare anch’io la mia parte (grazie soprattutto all’appoggio strategico che ho ricevuto da UNI): credo nella visione e nella cultura europee e ritengo che la normazione - in quanto soft law - possa diventare sempre più importante per lo sviluppo armonioso del modello economico sociale europeo, per la competitività delle sue imprese e la vita dei suoi cittadini”.

L’esperienza professionale fa di lui il soggetto ideale per gestire aspetti tecnici, di strategia e di rapporto con le Istituzioni; è infatti un imprenditore (la sua azienda - una PMI - opera a livello internazionale nel settore dell’ingegneria strutturale) ma è abituato a rappresentare interessi collettivi (vista la sua esperienza già citata di Presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Milano, dal 2016 e attuale componente del Consiglio Nazionale degli Ingegneri).

Calzolari vanta inoltre significative esperienze di rapporto con la Pubblica Amministrazione (è stato fino al maggio 2020 componente della CTVIA-Commissione Tecnica di Verifica dell’Impatto Ambientale del Ministero dell’Ambiente).

“Affiancandosi all’incisiva Vicepresidenza di Ruggero Lensi, con la Presidenza di Stefano Calzolari l’Italia conferma il suo impegno, a fianco degli altri Paesi Europei, per un forte sistema di standard che valorizzi e consolidi le specificità e i valori tecnici e umani del modello economico e sociale europeo e della sua filiera, sia nella libera circolazione nel mercato unico sia soprattutto nella competizione nel mercato globale” afferma il Presidente UNI Piero Torretta.

Auguriamo di tutto cuore che la presidenza del CEN sia per Calzolari un’esperienza incomparabile, nella quale possa travasare tutte le proprie competenze, conoscenze, abilità e sensibilità e dalla quale possa trarre grandi soddisfazioni personali, professionali e per l’intero sistema socioeconomico europeo.

Le responsabilità del Presidente CEN comprendono la presidenza del Consiglio di Amministrazione (composto anche da 3 Vicepresidenti e 9 rappresentanti dei 34 enti nazionali di normazione soci) e dell’Assemblea Generale. Partecipa al Presidential Committee CEN-CENELEC (composto oltre che dai 2 Presidenti, dal President Elect, dai 3 Vicepresidenti e dai Direttori Generali di ogni organizzazione) e al Joint Presidents’ Group CEN, CENELEC ed ETSI.

Inoltre, rappresenta il CEN verso le Istituzioni europee, le organizzazioni internazionali di normazione (ISO in particolare) e gli stakeholder di importanza strategica.

 CEN European Committee for Standardization è un’organizzazione internazionale privata basata a Bruxelles, riconosciuta dall’Unione Europea, che elabora le norme tecniche europee che – una volta adottate dai singoli enti di normazione nazionali suoi associati – aiutano le imprese, le autorità pubbliche, il mondo accademico e della ricerca, le organizzazioni ambientaliste, consumeriste e sindacali a essere più efficaci, efficienti, sostenibili...

Alla base della normazione tecnica volontaria CEN vi è un processo trasparente, bilanciato, inclusivo, indipendente e basato sul consenso, aperto ai rappresentanti di tutte le parti interessate.

CEN lavora a stretto contatto - ma indipendente - con l’Unione Europea, per supportare le sue politiche economico sociali con i migliori strumenti tecnici possibili.

 

UNI
L’Ente italiano di Normazione è un'associazione privata senza scopo di lucro, i cui soci, oltre 4.000, sono imprese, liberi professionisti, associazioni, istituti scientifici e scolastici, pubbliche amministrazioni. Dal 1921 svolge attività di normazione tecnica in tutti i settori industriali, commerciali e del terziario ad esclusione di quello elettrico ed elettrotecnico. Le norme sono documenti che definiscono le caratteristiche (prestazionali, ambientali, di sicurezza, di organizzazione ecc.) di un prodotto, processo, servizio o professione, secondo lo “stato dell'arte” e sono il risultato del lavoro di decine di migliaia di esperti in Italia e nel mondo. In estrema sintesi, sono documenti che definiscono “come fare bene le cose” garantendo sicurezza, rispetto per l’ambiente e prestazioni certe. Il ruolo dell'UNI, quale Organismo nazionale italiano di normazione, è stato riconosciuto dal Decreto Legislativo 223/2017 sulla normazione tecnica. UNI partecipa, in rappresentanza dell'Italia, all'attività di normazione internazionale ISO ed europea CEN.

Area Comunicazione UNI Ente Italiano di Normazione
Luisella.pozzani@uni.com - 02 70024471

Ufficio Stampa UNI Ente Italiano di Normazione
Edoardo Caprino - e.caprino@bovindo.it - 339 5933457
Giulia Fabbri - g.fabbri@bovindo.it - 345 6156164
Arianna Reina - a.reina@bovindo.it - 340 3637753

 

Notizie correlate
Altri Enti

Agenzia delle Entrate: nuove disposizioni in vigore dal 1° luglio 2020

Altri Enti

Comune di Milano - Determina Dirigenziale Area Sportello Unico per l'Edilizia

Altri Enti

Tre nuovi progetti di norma UNI sottoposti a inchiesta pubblica finale fino al 6 ottobre 2020